venerdì 17 ottobre 2008

IL DECALOGO DELL'IPPOPOTAMO FELICE. Di Stefano Benni.

Nella foto: Nuvole all'orizzonte da http://www.donfrenchphotography.com

Decalogo dell'ippopotamo felice.


1 Sii come l'ippopotamo

2 Sii come l'ippopotamo che è felice nel sole e altrettanto felice nel fango

3 Sii come l'ippopotamo che non si capisce mai se è in acqua o fuori

4 Sii come l'ippopotamo che quando la luna è una grande camelia canta all'ippopotama la sua canzone d'amore senza preoccuparsi se la sua voce è sgraziata e dagli alberi piove giù di tutto

5 Sii come due ippopotami che si baciano sullo sfondo dell'orizzonte e la loro ombra sembra un grande pavesino

6 Sii come l'ippopotamo che dopo aver a lungo ippocopulato non chiede all'ippopotama "mi ami?" perché è ovvio che con un ippopotamo si può andare solo per amore

7 Sii come l'ippopotamo sempre educato al bar, nelle file per i documenti e in treno, sii come l'ippopotamo educato che fa i suoi bisogni appartato

8 Sii come l'ippopotamo che quando pesta una merda di ippopotamo fa finta di niente e dice "qu'est-ce que c'est ça?"

9 Sii come l'ippopotamo che quando sente sopraggiungere la fine saluta il branco e corre nella valle del cimitero degli ippopotami morenti, dove un'ultima volta si beve si mangia e si scopa senza più alcun ritegno e vergogna e alla fine della festa muore solo un ippopotamo e si scopre che tutti gli altri erano degli infiltrati, sanissimi

10 Sii come l'ippopotamo che muore col sorriso sulle labbra e subito il grande Potamanka il muscoloso dio alato lo raccolse tra le braccia e lo portò in cielo ove sono nuvole e fiori meravigliosi e acqua tersa, e l'ippopotamo deluso disse "non si potrebbe avere una bella palude merdosa?" e Potamanka adirato lo lanciò a terra, e l'ippopotamo cadde e ove cadde creò il sacro cratere del lago Ngoro-Ngoro e l'ippopotamo perforò la pelle rugosa del mondo e precipitò nell'inferno ove vive felice attuffato nella merda con gli amici e quando si sposta causa i terremoti e quando nuota provoca i geyser e mostra a tutti la sua semplice verità: e cioè che il paradiso è ovunque tu ti senti in paradiso.
Stefano Benni.

Pillola del giorno: "Lei scrive? Che coincidenza. Io leggo."
Leopold Fetchner.



6 commenti:

figlia delle stelle ha detto...

il paradiso è ovunque tu ti senti in paradiso, sagge parole :-)

Anonimo ha detto...

Ho trovato delizioso questo decalogo dell'Ippo...mo. Grande ironia e anche molta tristezza.

mara ha detto...

provavo a dire che non bisogna esere come quel turista che fischia all'ippopotamo per fare la foto se non si è allenati sui cento metri. Altrimenti non sarebbe IPPO
Corrono come fulmini :-))
Benni è straordinario, avevo-evo letto quasi tutto, questo no!
Davvero carino

emmelania ha detto...

Ma che bello questo decalogo...me lo sono letto di vero gusto! Grazie
Ciao e buon sabato sera

Anonimo ha detto...

veramente sagace :)un sorriso elisa

MusE0 ha detto...

davvero molto molto carino ^^ e con un saggio saggio messaggio!

:-D

un caro saluto!