giovedì 30 ottobre 2008

La riparazione del nonno.Di Stefano Benni, seconda parte.

In alto immagine tratta dal blog dell'amica Antonella http://roxtec.splinder.com/

Oggi in tutto il paese c'è stato lo sciopero degli insegnanti i quali, insieme agli studenti hanno sfilato per le vie di Roma, un corteo lunghissimo e colorato con tanti ragazzi che si è riversato nella capitale per protestare contro il decreto Gelmini appena approvato al Senato.
Si sono visti tanti di quei giovani, come non se ne vedevano da tempo, e poichè ritengo che la scuola pubblica è un bene prezioso per tutti e va salvaguardata (vedi il discorso di Piero Calamandrei) ho pensato di elencare i blog delle amiche che hanno parlato dell'argomento in questi giorni:
-Morskajavoda: http://vistasulmare.splinder.com/
-Elena: http://single0zitella.splinder.com/
-Arte82misia: http://dacozzanascecozza.splinder.com/
-Fiamma: http://fatadifuoco.splinder.com/
-Mara: http://aquilonesenzavento.splinder.com/
Con articoli e foto delle piazze da vedere e commentare.

La riparazione del nonno. Di Stefano Benni. Seconda parte.

Per prima cosa convocammo un medico, il dottor Faina. Egli dichiarò che c'era uno squilibrio neurologico-elettrolitico e si poteva provare a dargli della camomilla, ma dare della camomilla al nonno, anche diluita nella grappa, era come ucciderlo.
Il veterinario Schioppagatti disse che secondo lui si trattava di un problema psicoepizootico, una perdita di memoria e identità come ad esempio un papero viene allevato da una tacchina o un gatto da una cagna, e suggeri' di farlo dormire con i maiali. La mattina il nonno era uguale a prima, mentre tutti i maiali avevano preso il vizio di fumar la pipa.
Venne chiamato Ciappino, un riparatore di tritacarne e televisori, il quale disse che non aveva mai visto un modello di Telemaco 87 e comunque non essendoci valvole o manopole lui poteva farci poco, provò a tirargli le orecchie e a strizzargli un coglione ma il nonno gli tirò un cazzotto in faccia che per poco non lo accoppava.
Allora intervenne Favilla e sentenziò che bisognava chiamare un riparatore di nonni: ce n'era uno dall'altra parte della montagna, si chiamava Ufizeina e lui ce l'avrebbe portato ad ogni costo.
Infatti due giorni dopo una giardinetta si fermò nell'aia e insieme a Favilla ne usci' un ometto basso, con gli occhietti da gallina e una borsa da attrezzi grande due volte lui.
Ufizeina esaminò attentamente il nonno, lo misurò con un amperometro, gli auscultò la schiena, proprio come i medici, gli fece fare un rutto nel misuratore di pressione delle gomme, poi diede il responso.
Il nonno aveva subito una strinatura elettrica del cervello, nella sua testa c'era un albero di Natale di neuroni ed elettroni e positroni che si accendevano quando pareva a loro, e i ricordi e le parole non potevano andare dritti, perchè prendevano la scossa, deviavano e rimbalzavano uno contro l'altro. Insomma, dentro al nonno c'era troppa elettricità, infatti gli mettemmo in bocca una lampadina da sessanta watt e brillava che era un piacere. Il rimedio evidentemente era uno solo. Uno schoc si cura con un controschoc: il nonno doveva beccarsi un'altro fulmine, e secondo Ufizeina c'erano quattro possibilità:
  1. il fulmine succhia via l'elettricità eccedente del nonno e tutto torna normale;
  2. il nonno succhia un'altra dose di elettricità e diventa pazzo completo;
  3. il nonno si carbonizza e diventa un mucchietto di fondi di caffè;
  4. non lo so perchè non l'ho fatto prima.

Poichè la prospettiva era rischiosa, fu convocata un'assemblea di famiglia, e ognuno disse la sua.

Nonna disse che era troppo pericoloso e non valeva la pena, e comunque, a parte quel difetto nel raccontare, funzionava ancora benissimo. D'altronde erano anni che lei sognava l'elettricità in casa e quella era una fortuna da sfruttare, magari, se gli costruivamo un seggiolone bello alto da li' poteva illuminare tutta la cucina.

Fine seconda parte.

Pillola del giorno: Mio nonno era un uomo molto insignificante. Al suo funerale il carro funebre seguiva le auto.

Woody Allen.






2 commenti:

rosalbas ha detto...

Ieri è stata una manifestazione EPOCALE!!!!
:-)
Ciao

Anonimo ha detto...

blog interessante anima e libero di dire le proprie ragioni .... bacio
Aenima1