domenica 16 novembre 2014

Il default delle PMI #fuoridalleuro.

Il default delle PMI #fuoridalleuro.

crisi_euro_pmi.jpg
L'Italia sta tagliando i rami su cui è seduta, le PMI. Le PMI si indebitano sempre di più con un circolo vizioso dovuto ai debitori che dilatano i tempi di pagamento o falliscono (e quindi si perde tutto il credito). Per sopravvivere sono costrette a chiedere prestiti alle banche a tassi di usura che di solito preferiscono non rischiare e quindi se possono non li accordano. I numeri di PMI in potenziale default sono spaventosi, circa 24.000. Il primo debitore nei loro confronti è però lo Stato che non paga i suoi debiti (ancora circa 60 miliardi da pagare) o li paga con termini di decorrenza ingestibili, mentre le tasse le pretende in anticipo. Una PMI non è per sempre. per farla nascere e vivere, esercizio difficile e che non sempre riesce, ci vogliono anni. Senza le PMI il gettito fiscale crollerà, ma il Governo se ne frega. La morte delle imprese non lo riguarda. Preferisce obbedire agli ordini della BCE e ai vincoli di bilancio. Fa delle imprese il deserto e poi lo chiama ripresa.

Nessun commento: